mercoledì 11 agosto 2010

Pasta coi tenerumi


spaghetti spezzati q.b. - 2 mazzi di tenerumi
 freschi freschi - 1 manciata abbondante di pomodorini pachino IGP - 1 carota (ingrediente non fondamentale) - 1/2 dado vegetale senza glutammato - 2 spicchi d’aglio - 1 piccolo peperoncino - sale e pepe q.b. - olio evo q.b.

Immergere le foglie ed i germogli dei tenerumi in abbondante acqua fresca, quindi sciacquarli sino ad eliminare ogni eventuale residuo di terra. Una volta puliti tagliarli in striscioline non troppo sottili e tenerli da parte per la preparazione. In una pentola, larga e dal fondo spesso, far soffriggere l’aglio ed il peperoncino finemente tritati, quindi unirvi la carota tagliata a bastoncini ed infine i pomodorini pachino tagliati in quarti, lasciando che il fondo prenda bene sia colore che calore. A questo punto aggiungere prima i tenerumi, lasciandoli sfrigolare per un poco, e di seguito il mezzo dado con acqua bollente quanto necessaria a prepare un brodo. Lasciare cuocere una ventina di minuti, quindi aggiungere al brodo gli spaghetti spezzati, continuando la cottura per 3/4 del tempo necessario alla cottura della pasta. Spegnere la fiamma ed aspettare la fine cottura degli spaghetti (la pasta finirà la cottura in maniera passiva e la zuppa s’intiepidirà leggermente). Aggiustare di sale, se necessario, e di pepe. Servire la zuppa calda, nonostate i 40° all’ombra fuori, con un giro d’olio evo a crudo.
Pasta coi tenerumi* = ovvero tipica ricetta siciliana difficilmente recuperabile in altre regioni d’Italia. Si dice che questa ricetta sia per i siciliani croce e delizia insieme: è infatti un piatto amatissimo e molto goloso, ma da mangiare pressoché bollente nell’unica stagione possibile, ossia l’esate.. con 40° all’ombra. L’ingrediente re di questa zuppa sono i tenerumi, ovvero le foglie ed i germogli delle “cucuzze lunghe”, accompagnati da pomodori ed aglio, nulla più. Due le versioni della pasta coi tenerumi: una brodosa ed una più asciutta. La zuppa brodosa può essere servita anche senza pasta, semplicemente come brodo di verdura… sempre bollentissimo però.

4 commenti:

  1. FATE UNA SALSETTA CON AGLIO POMODORO ED UN PO'DI PECORINO A PEZZETTI, METTERLA DA PARTE.INTANTO FATE BOLLIRE DELL'ACQUA ED IMMERGETE I TENERUMI A PEZZETTI, DOPO QUALCHE MINUTO "BUTTARE" LA PASTA OSSIA SPAGHETTI SPEZZETTATI, QUALCHE MINUTO PRIMA CHE LA PASTA SIA COTTA ELIMINARE L'ACQUA SUPERFLUA E VERSATE DENTRO LA SALSETTA PRECEDENTEMENTE MESSA DA PARTE.DIO CHE BONTA', SONO CATANESE ED IMPAZZISCO PER QUESTO PIATTO.NON MI RESTA CHE AUGURARVI BUON APPETITO!

    RispondiElimina
  2. Cara Anna, sì pasta coi tenerumi è follemente buona! Noi evitiamo anche il formaggio, e devo dire che la versione senza ricotta mi piace un sacco!

    RispondiElimina
  3. NICOLE IO TI CONSIGLIO DI PROVARE A METTERE QUANDO PREPARI LA SALSA DI POMODORO UN POCHINO DI PEPATO VECCHIO O PECORINO CHE DIR SI VOGLIA ,L'AGLIO LO PUOI TOGLIERE A FINE COTTURA MA QUEI PICCOLI PEZZI DI PEPATO DANNO AL PIATTO UN VALORE AGGIUNTO.
    CIAO E GRAZIEteoni

    RispondiElimina
  4. Ciao Anna, lo immagino, ma come ti ho detto noi cerchiamo di NON mangiare neppure derivati :) Però grazie del consiglio comunque!
    Nicole

    RispondiElimina

La golosità aumenta ad ogni commento! :)