sabato 30 ottobre 2010

Mezze maniche al ragù bianco con zenzero







Eccoci di nuovo insieme per l'avventura di Salutiamoci - questo mese dedicato a Cavolfiori e Broccoli, ed ospitato da L'Orto di Michelle! Non potevamo certo mancare all'appuntamento mensile più gustoso del web: soprattutto perché, forse ridererete, cavolfiori e broccoli sono le verdure più amate in casa nostra! Il piatto più goloso a cui non possiamo rinunciare? Un broccolo scottato al vapore, giusto per farlo diventar verde brillante e croccante, da pucciare senza riserve in un'emulsione di olio e limone! Per noi il massimo della gola! [e per questo molti amici ci prendono in giro!] Questa volta, però, abbiamo pensato di proporvi una nostra vecchia ricetta facilissima, ma di grande gusto: un ragù bianco vegetale!


Questo ragù ha come ingrediente principale proprio il cavolfiore, che è accompagnato da carote e cime di rapa, ed è sostenuto dal gusto meravilgiosamente profumato dello zenzero.
Versione perfettamente adatta quando la voglia di un ragù diverso dal solito ci chiama a gran voce: a voi un saporito ragù bianco, tutto vegetale e dalle note decisamente originali!

Ingredienti (x2):
160 gr di mezze maniche rigate integrali di grano duro (in questo caso pasta Garofalo n.5-32)
1/2 cavolfiore, biologico
1/2 dado vegetale, biologico e senza glutammato (in questo caso il ns dado casalingo)
1 carota, biologica
1 mazzetto di cime di rapa, biologiche
1 cipolla bianca di pignone, biologica
1 spicchio di aglio di Vessalico, biologico
1 pezzo di zenzero fresco, biologico
1 pezzetto di peperoncino, biologico
1 presa di semi si cumino, biologici
1 presa di stimmi di zafferano, biologico
1 spolverata leggera di lievito alimentare in scaglie
sale integrale in fiocchi di Trapani e pepe q.b.
olio evo bio q.b.


In abbondante acqua salata far cuocere la pasta come da indicazioni, in questo caso 12 dei 14 minuti previsti, tenendo conto dello spadellamento finale. Nel frattempo lavare e pulire accuratamente il cavolfiore, la carota e le cime di rapa. In un tegame dal fondo spesso lasciare imbiondire la cipolla, le carote e l’aglio tritati molto finemente al coltello, quindi unirvi metà dello zenzero grattugiato, il peperoncino tritato, i semi di cumino ed il mezzo dado spettezzato (oppure la punta di un cucchiaino di dado casalingo). Non appena il fondo avrà preso colore unire anche il cavolfiore, anche lui tritato ben finemente al coltello. Lasciare che il cavolfiore prenda calore, assorbendo tutti gli odori del trito, quindi unire al ragù anche le cime di rapa, tritate nuovamente molto fini. Continuare la cottura a fiamma molto vivace, sinché le cime di rapa non avranno perso il loro volume, quindi bagnare con un poca di acqua di cottura della pasta ed abbassare la fiamma. Aggiustare di sale, se necessario visto il mezzo dado, e di pepe, quindi lasciare il ragù bianco sul fuoco per il tempo necessario alla cottura della pasta che, una volta scolata in anticipo di un paio di minuti, dovrà essere saltata in padella per il tempo rimanente. Durante lo spadellamento aggiungere il restante zenzero grattuggiato, un giro di evo a crudo ed un spolverata di lievito alimentare in scaglie.


Ormai lo sapete tutti, Salutiamoci è il golosissimo gioco di Stella, Lo, Cobrizo e Brii: “La sfida consiste nel cucinare qualcosa di buono, bello e soprattutto sano, alla scoperta di nuovi ingredienti nel rispetto della loro stagionalità, approfondendo la conoscenza del rapporto tra cibo e salute, ed evitando soprattutto facili scorciatoie industriali o scelte che prediligano solo l’occhio o il palato senza tener conto della salubrità nel lungo termine”!

2 commenti:

La golosità aumenta ad ogni commento! :)