martedì 30 novembre 2010

Stufato di fagioli


Sull'onda delle cotture lunghe e degli stufati alla vecchia maniera, quando la classica casseruola restava sull’economica dalla mattina alla sera, ecco un'altro classico dalle otto ore di lento sobbollire: lo stufato di fagioli di una volta.

Ingredienti:
200gr di fagioli borlotti ammollati per una notte
200gr di fagioli neri
ammollati per una notte
300gr di polpa di pomodoro casalinga
6 patate
3 carciofi
3 carote
2 cipolle
1 costa di sedano
1 foglia di alloro
1 spicchio di aglio
1 pezzetto di peperoncino fresco
1/2 bicchiere di vino rosso
brodo vegetale q.b.
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Procedimento:
Anzitutto lavare, mondare e tritare grossolanamente cipolle, carote, sedano, alloro ed aglio, quindi farli rosolare in una casseruola, dal fondo spesso e dai bordi piuttosto alti, con due cucchiai di olio extravergine di oliva ed un pezzetto di peperoncino fresco. Non appena il fondo sarà imbiondito unire i carciofi - già puliti dalle spine e dalla peluria interna - fatti a fette non troppo sottili, quindi sfumare con mezzo bicchiere di vino rosso e di seguito unire i fagioli, precedente ammollati per una notte e ben risciacquati dall'acqua di vegetazionela, e la polpa di pomodoro, lasciando che tutto prenda bollore. A questo punto bagnare con brodo caldo a coprire, aggiustare di sale e pepe, quindi lasciar cuocere a casseruola coperta per almeno otto ore sulla stufa econimica (o sul fornello più piccolo a disposizione in mancanza di un'economica), facendo attenzione affinché il contenuto non prenda vero bollore. Giunti quasi a fine cottura, ovvero quando il sugo sarà ormai ben ristretto, aggiungere le patate a tocchetti, bagnare nuovamente con un poco di brodo e terminare la cottura sinché le patate non saranno tenere ed il sugo corposo, un’altra trenitna di minuti circa. Servire bollente con crostoni di pane abbrustolito e sporcatom con un filo di olio a crudo.

7 commenti:

  1. lo sò che ha tutto un suo sapore,ma non ce la faccio proprio...è più forte di me!
    lasciare i fornelli accesi per tutto questo tempo ...8 ore...O_O mi fà star male solo al pensiero!
    cerco di consumare il gas al minimo indispensabile.
    se proprio dovessi farli forse lo farei da mia suocera,nel camino quando lo accende come riscaldamento.
    ma a casa mia di regola si una la pentola a pressione!
    con 30 minuti ho una meravigliosa zuppa comunque.
    ripeto,lo sò da me che il sapore cambia...ma 8 ore sono decisamente troppe.

    RispondiElimina
  2. Luby infatti è una cottura da stufa economica.
    Io qui a Palermo con una bombola del gas che pago 20 euro ci marcio una cosa come 5 mesi e ci faccio pure gli stufati :)

    RispondiElimina
  3. aaaaaaaaaaah!
    così la sinfonia cambia ^_^

    bene bene!
    comunque c'è gente che la fà comunqwue sul gas...ogni volta mi và via la voce a forza di dirgli che non è normale!

    un abbraccio e...mi rubo un'altra mestolata di zuppa...gnam...gnam...gnam...

    RispondiElimina
  4. eh sì! fatta col fornello di casa cittadina è una follia di spreco! :)

    viva le economiche di cambagna e le bombole fuorilegge! :)

    baci!

    RispondiElimina
  5. Complimenti per il nuovo header! f. :)

    RispondiElimina
  6. E complimenti per il restyling generale, anche!! f.

    RispondiElimina
  7. graSSie a te Pepi, che io non son mica così tanto capace! :*

    RispondiElimina

La golosità aumenta ad ogni commento! :)