domenica 17 aprile 2011

Riso Asparagi e Fiori di glicine


Un primo piatto lilla, perfetto per una cena romantica, che ha un vero e solo ingrediente principale: la primavera!

Ingredienti:
180 gr di riso misto thai (tipo mixed thai hom mail rice)
2 "pigne" di glicine non trattate
2 cipollotti freschi
1 mazzetto di asparagi novelli (perfetti, neanche a dirlo, i “Violetto di Albenga”)
1 spicchietto di aglio
1 manciata di semi di girasole
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Anzitutto "sgranare" i fiori di glicine, scegliendo i migliori tra quelli già aperti, pulirli e lavarli con cura. Riservare.
Nel frattempo, dopo averlo lavato con molta cura e tenuto - se possibile - in ammolo per una ventina di minuti, cuocere il riso thai al vapore oppure secondo il tradizionale metodo pilaf.
In un wok far scaldare lievemente l'olio, quindi farvi appassire cipollotti ed aglio tritati molto finemente. Unire i semi di girasole e lasciarli tostare qualche istante.
A questo punto aggiungere gli asparagi, scottati in precedenza e fatti a tocchetti, i fiori di glicine ed il riso a seguire. Aggiustare di sale e pepe. Spadellare affinché il tutto prenda bene calore e si dori con cura, prendendo una gradevole nota lilla. Impiattare, chiudere con un giro di evo a crudo, decorare con qualche fiore di glicine e servire. Effetto sorpresa garantito!

13 commenti:

  1. Ma dai non si finisce mai d'imparare, non sapevo che il glicine si potesse mangiare, questo risotto è davvero particolare, bravissima come sempre ;-)

    RispondiElimina
  2. Mmmm che buono questo risotto tutto primaverile e che profumo... Quant'è bella la primavera con i suoi fiori :)

    RispondiElimina
  3. Fantastico questo risotto!
    E poi il glicine l'ho sempre mangiato -e visto mangiare- perchè è squisitamente zuccherino!
    Sembra buonissimo!

    RispondiElimina
  4. Chiccabella, sì il glicine si mangia... oltre il risotto prova a farci farifrittate, insalate, frittelle salate e dolci, gelati... insomma è un vero sfizio! un bacio grande :*

    Ciao Mimì, quanto sei carina, grazie! Questa primavera dovrà essere clemente con me, l'inverno è stato molto duro e gli strascichi, ahimè, non sono ancora finiti... una cenetta lilla ristora l'umore :)

    Tabita, sìsì come dicevo prima il glicine si presta un sacco in cucina :) mi son permessa di eliminare un tuo commento perché ti è partito un doppione :) un sorriso!

    RispondiElimina
  5. Non avrei mai pensato che si potessero mangiare fiori! ; )

    Bellissimo e buonissimo!!! grazie.

    RispondiElimina
  6. io no so cucinare co i fiori...non li ho mai presi in considerazione anche se mi piace vedere piatti colorati e profumati....
    bellissimo questo risino :)
    B.

    RispondiElimina
  7. Uh, me ne ero accorta..il pc faceva le bizze e nel dubbio l'ho rimandato più o meno identico! Scusa, sono una pasticciona!

    RispondiElimina
  8. In pastella l'avevo visto ma, nel risotto una sorpresa!

    RispondiElimina
  9. Vuol dire che prima che sfiorisca devo fregarne un po' a mio fratello :-)

    RispondiElimina
  10. Bellissima e sicuramente buonissima!

    RispondiElimina
  11. Pepi, visto che manicaretti che ti sforno?!? ;P

    B., i fiori sono un'ottima risorsa per cenette diverse dal solito :) proval, non ti pentirai.. sono tantissimi i fiori da poter usare in cucina!

    Tabita, eheh mavah mica un problema :)

    Saretta, uh sì... frittelle di glicine, gnamme che bontà!

    Chicca66, sìsì amica provalo! :*

    Anonimo, grazie :) spero sperimenterai!

    RispondiElimina
  12. che bello ma che bello averti dato un volto!! e che volto tra l'altro!!
    mi è piaciuto conoscere te e gli altri al VeganCamp, un abbraccio :)
    Bibi

    RispondiElimina
  13. DUCI! :*
    sono molto contenta di averti conosciuta! ti aspettiamo a genova eh! :)

    RispondiElimina

La golosità aumenta ad ogni commento! :)