venerdì 23 dicembre 2011

Zeppole di nonna Rita

©ricetteveg.com
Thanks to nonna Rita, da Ravello con le zeppole!

Eccolo, ormai è alle porte. Anche quest'anno, senza cenno di ritardo, è arrivato il Natale. E mentre sul fuoco bolle un minestrone invernale profumatissimo, non ci si può esimere dallo sperimentare questa ricetta di famiglia, dedicata al dolce per eccellenza di questo periodo festoso: le zeppole.

Ingredienti
1 kg di farina 00
800 gr di patate lessate
200 gr di zucchero di canna grezzo
100 gr di margarina vegetale non idrogenata
50 gr di cannella
50 gr di lievito di birra
2 bicchieri di latte di mandorla
1/2 stecca di vaniglia 
1 pizzico di sale
la scorza di un limone bio
oli di semi d'arachidi per friggere q.b.


Anzitutto lessare le patate in abbondante acqua bollente per una mezz'ora, avendo cura di non sbucciarle per evitare che,
inumidendosi troppo, si sfaldino in cottura e comunque sinché non risultino morbide.
Non appena le patate saranno cotte, spellarle e ridurle in purea passandole con lo schiacciapatate, quindi lavorarle, su di una spianatoia, con la farina, metà dello zucchero, il sale, la margarina, il lievito sciolto nel latte vegetale, la buccia di limone, la polpa di vaniglia ed il latte, sino ad ottenere una palla di impasto liscia e non appiccicosa.
A questo punto tagliare dall'impasto dei pezzi di pasta e farne dei cordoncini spessi circa un centimetro e lunghi una ventina, quindi incrociarne le estremità in modo da ottenere delle ciambelle.
Ora lasciar lievitare le zeppole, coperte con un telo ed in luogo tiepido com la cucina, per almeno un paio d'ore, quindi friggerle in olio bollente per circa quattro minuti finché non saranno ben dorate. Scolarle, asciugarle con carta da cucine e, ancora calde, cospargerle con lo zucchero rimanente miscelato alla cannella.

Nota: Le zeppole di patate sono un tipico dolce campano. Questa ricetta, che escludendo l'apporto liquoroso ed includendo le patate è in realtà più vicina alle cugine "graffe", è preparata per le festività di Natale e Capodanno da molte famiglie campane. Le zeppole nella regione Campania sono un vero must e se ne preparano diverse versioni:
Zeppola Classica: ciambelle di farina, acqua e sale, fritte e spolverate di zucchero e cannella.
Zeppola Graffa: ciambelle di farina, acqua, sale e patate, fritte e
spolverate di zucchero e cannella.
Zeppola di San Giuseppe: ciambelle in versione "sciù", come si dice a Napoli, ovvero choux cotti al forno arricchiti di crema pasticcera ed amarena a decorare.
Zeppola Pastacrisciuta: ciambelle di pasta cresciuta in versione salata, da mangiare bollente.

6 commenti:

  1. Mammamia che libidine, certo che queste sono una bomba di calorie :-)
    Ps: e se le faccio con la pasta madre?

    RispondiElimina
  2. le zeppole sono una delle cose più buone che io mi ricordi di aver mangiato, le adoro immensamente!!
    bravissima e grazie per la tua ricetta, un bacione e buona festa della Vita :)
    Bibi

    RispondiElimina
  3. Mmm... buonissime! : P°°°

    RispondiElimina
  4. Chicca, con la pasta madre non saprei come comportarmi, questa è la ricettas paro paro di nonna... potrei chiederle un consiglio però! Calorie? Buahahh...

    B., amica io queste bombe atomiche le adoro :)

    Anonimo, ci credo che ti son piaciute furbetto! :*

    RispondiElimina
  5. che buone, che brava la nonna a consegnarti la ricetta!
    anche mia zia le fa così, forse però aggiunge il limoncello!

    RispondiElimina
  6. Herbi, io odio il limoncello ahah sarà che una volta ho aiutato a farlo in casa senza mascherina e mi sono inciuccata coi fumi alconici O__o Sì questa è la ricetta paro paro della nonna :)

    RispondiElimina

La golosità aumenta ad ogni commento! :)