domenica 4 novembre 2012

Lasagne alle ortiche

©ricetteveg.com


"La domenica è giorno di lasagne", questo direbbe la maggior parte delle famiglie italiane. Perché, dunque, essere da meno solo per il "no uova, no formaggio, no carne"? In fondo in Età Romana le lasagne altro non erano che losanghe di pasta condite coi legumi... Certo, ammetto di non amare spassionatamente la pasta, ancor meno quella cotta in forno, ma questa versione credo sia - almeno per me - la più buona che ci sia uscita dalla cucina. Ora, non abbiatene a male: una volta avrei aiutato nonna a tirar la sfoglia, oggi - invece - mi godo delle Lasagne secche alle ortiche Bio che ho acquistato un po' di tempo fa, naturalmente senza uova! Enjoy!


Ingredienti base
1 pacco di lasagne secche alle ortiche senza uova (bio)
1 mazzetto di biete da costa
1 manciata di semi di sesamo per guarnire
lievito alimentare in fiocchi q.b.

Ingredienti besciamella
500 ml di brodo vegetale
500 ml di latte di soia o riso al naturale (in questo caso casalingo)
100 gr di farina di riso integrale
80 gr di olio evo (per approssimazione sono circa 80 ml)
1 cucchiaio di tahina
1 cucchiaio di lievito alimentare in fiocchi
noce moscata q.b.
sale e pepe q.b.

Ingredienti ragù
200 gr di lenticchie rosse decorticate spezzate
200 gr di seitan (in questo caso casalingo)
250 ml di brodo vegetale
250 ml di passata di pomodoro (in questo caso casalinga)
40 gr di olio evo (per approssimazione sono circa 40 ml)
2 cipolle
2 carote
2 coste di sedano
1 spicchio di aglio
1 foglia di alloro 
1 rametto di rosmarino
1 cucchiaio di concentrato triplo di pomodoro
1 cucchiaio di di latte di soia o riso al naturale (in questo caso casalingo)
vino rosso q.b.
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.


[ragù]
Anzitutto iniziare dal ragù preparando - in un tegame alto col fondo spesso - un trito di cipolla, aglio, carote e sedano, da far imbiondire in un giro generoso di olio evo. Con l'aiuto di un mixer ridurre il seitan in una texture molto fine, quindi unirlo al trito imbiondito, insieme alla foglia di alloro ed al rametto ri rosmarino, e lasciarlo rosolare velocemente. Sfumare con un goccio di vino rosso. A questo punto aggiungere il concentrato di pomodoro e le lenticchie rosse spezzate, continuando la rosolatura a fiamma vivace. Unire ora la passata di pomodoro ed il brodo, avendo cura di aggiustare di sale e pepe, e lasciando cuocere per circa mezz'ora a fiamma molto dolce: il ragù deve pippiare, come si dice a Napoli! A cottura quasi ultimata aggiungere il cucchiaio di latte vegetale al naturale.

[besciamella alternativa]
Mentre il ragù cuoce, preparare la besciamella: scaldare l'olio in una casseruola, sempre col fondo spesso, quindi scostare dal fuoco ed unirvi la farina di riso setacciata, mescolando con cura affinché non si formino grumi. Lasciar cuocere pochi minuti, sino a che il composto sia leggermente brunito: questo è quello che i francesi chiamano "roux". Togliere nuovamente dal fuoco ed unire, a filo, il latte vegetale caldo, mescolando di continuo. Una volta ben sciolto il roux nel latte, rimettere sulla fiamma, aggiungendo la tahina, il lievito alimentare, il sale, il pepe e la noce moscata, quindi proseguire dolcemente la cottura sino ad ottenere la consistenza di una crema piuttosto morbida.

[lasagne]
Nel frattempo lavare e tagliare in striscioline le biete, quindi scottare in acqua  bollente, col l'aggiunta di un goccio di olio, le lasagne alle ortiche, dopodiché riporle su di un canovaccio pulito in modo che non si sovrappongano.
Tagliate le biete, scottata la pasta, e pronti anche ragù e besciamella, cominciare a comporre le lasagne nella teglia alternando uno strato di pasta, ad uno di ragù, uno di biete ed uno di besciamella abbonante. Così sino a colmare tutto lo spessore della teglia: la tradizione bolognese vorrebbe strati sottilissimi, quasi impercettibili, a formare una specie di mattnella di pasta, a casa nostra - invece - preferiamo meno sfoglie di pasta ed un ripieno più consistente.
Giunti all'ultimo strato, finire con la besciamella, quindi spolverare con abbondante lievito alimentare in fiocchi, una manciatina di semi di sesamo ed un generoso giro di olio evo.
Infornare a 230° per una mezz'ora, almeno finché avranno assunto un bel colorito e si sarà formata una crosticina dorata.

12 commenti:

  1. Che buone le lasagne... mi hai fatto venire una voglia! Poi col ragù di lenticchie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daria il ragù misto pocoseitan+lenticchie rosse è davvero una bomba e riesce benissimo. Lo sai che F. mi ha guardata con aria sospetta chiedendomi "oh ma c'hai mica messo la salsiccia?!?: ahah eggià, la salsiccia ahah!!!

      Elimina
  2. giusto, lasagna anche per noi!
    smack :)

    RispondiElimina
  3. Ci piace? Ci piace tantissimo!!!
    W le lasagne, ottimo il ragù, spettacolo! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale!!! Questo ragù secondo me è tra i migliori tra le proposte vegan, davvero fa impressione! baci :*

      Elimina
  4. La lasagna è sempre la lasagna :D La tua besciamella è molto particolare, chissà che buon sapore!
    Anche il ragù è interessante con le lenticchie... mi chiedevo però che si intende con lenticchie rosse spezzate, sono diverse da quelle decorticate che si trovano spesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Redsheen! La besciamella me la sono studiata un po', in questo modo diventa piuttosto aromatica nulla facendo rimpiangere della cucina poco gentile!
      Il ragù anche, ti dico il vero se non lo avessi cucinato io avrei avuto qualche dubbio sul contenuto cruelty-free!
      Perdona l'imprecisione: per me le "rosse spezzate" sono proprio le decorticate, ma spezzate: cuociono in meno di 10 minuti!
      un sorriso :)

      Elimina
  5. Oddio voglio un piatto di queste lasagne O___O
    devono essere di un buono ma di un buono che ho già la bavetta :Q____

    Io nel fine settimana ho preparato la pasta al forno... Si vede che nel week end con questo freddino la voglia di piatti al forno è tornata a tutti ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cami se un giorno verrai a trovarci te le preparo :*

      Sìsì io e il forno ora siamo i migliori amici, ihihi!!!

      Elimina
  6. che piatto gudurioso! più che della domenica io lo metterei direttamente per le feste di Natale!! lo tengo a mente, tra breve tornerà utile!! ciao Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ihihih Marta, in effetti se mangiassimo così tutte le domeniche, saremmo due mongolfiere eheh! Son felice che ti piacciano, fammi sapere se le provi! un sorriso grande :)

      Elimina

La golosità aumenta ad ogni commento! :)